fbpx

Caricamento Pagina: Come decidono i clienti? L'importanza del Messy Middle. - Il blog della Insight Adv Ltd - Insight adv - creative solutions

7 minuti di lettura (1356 parole)

Come decidono i clienti? L'importanza del Messy Middle.

messy middle

Il Messy Middle è un modello, elaborato e proposto da Google, che definisce il percorso decisionale degli Utenti. In altre parole, è un nuovo paradigma per definire un funnel. Diverso rispetto a quelli tradizionali a cui siamo abituati nel digital marketing, in cui le fasi, seppur variabili, sono piuttosto standard e ben definite. Nei funnel di acquisto tradizionali si passa dalle fasi più alte, di confronto e approfondimento, alle fasi più basse, che hanno a che fare con l’acquisto vero e proprio. Con il messy middle cambia tutto, i touch point sono diversificati e sempre più caotici, quanto accade tra il primo stimolo, chiamato trigger, ovvero l’innesco del bisogno e l’acquisto effettivo, non è lineare e si modifica da una persona all’altra.

messy middle google processo di acquisto online

Naturalmente, ogni marchio vorrebbe che tutti i suoi potenziali clienti entrassero in questo flusso attraverso un “trigger” e uscissero dal circuito in modo lineare compiendo un acquisto: il fatto è che il percorso decisionale che i clienti compiono non è mai così lineare e il Messy Middle ce lo spiega alla perfezione.

Cerchiamo di capirne qualcosa di più!

Che cos’è e come funziona il Messy Middle?

In che modo i consumatori entrano in questo ciclo apparentemente infinito e molto intricato?

Con ogni probabilità la risposta a questa domanda non è univoca: nel momento in cui un consumatore inizia a prendere in considerazione l’idea di compiere un acquisto, è già entrato nel circuito, molto probabilmente sul lato dell’esplorazione, chiamato “exposure”.

L’exposure o esposizione del Messy Middle

In primo luogo, esaminiamo l’attività della canalizzazione superiore, cioè il momento in cui il potenziale cliente viene “esposto” alla possibilità di compiere un acquisto ed entra nel ciclo.

Google ha scoperto che questo momento cruciale è generato quasi sempre da una combinazione di fattori scatenanti, dal passaparola alle pubblicità online, da un cambio nello stile di vita a condizioni socio-culturali particolari.

L’esposizione di un potenziale cliente alle attività di marketing di un brand è solo una componente del processo ed è sbagliato pensare che sia l’unico elemento in grado di portare un cliente a entrare nel percorso d’acquisto.

Pertanto, essere al primo posto nella mente e nel cuore dei potenziali clienti è ancora più fondamentale di quanto considerato in precedenza, molto di più di una strategia finalizzata unicamente alla vendita.

Un brand riconoscibile, presente e attento a creare notorietà beneficerà di queste accortezze nel lungo periodo, mentre un marchio che punta tutto sulla vendita potrebbe avere un buon ritorno nell’immediato, ma alla lunga sfuggirà dalla mente dei clienti e non riuscirà più a sovrastare il “rumore” che i potenziali clienti sperimentano quando si introducono in un ciclo d’acquisto (passaparola, esperienze pregresse, pregiudizi personali, pubblicità, ecc).

Exploration & evaluation, cioè esplorazione e valutazione: il momento del pensiero

Una volta che gli utenti sono incanalati nel processo di ricerca, entrano in una fase di esplorazione e valutazione.

A volte il percorso dal trigger all’acquisto è breve e viene compiuto saltando del tutto la fase di ricerca.

Altre volte i clienti possono trascorrere settimane, anche mesi, in quello che, a ben guardare l’immagine di prima, è un vero e proprio loop.

Un loop che non sempre porta verso l’uscita e cioè all’acquisto!

Si capisce subito che capire come decidono i clienti in fatto di acquisti, non è cosa così banale, anzi.

I dati di Google ci vengono in aiuto: le statistiche in merito alle ricerche effettuate online dagli utenti mostrano che a oggi i potenziali clienti cercano più attivamente opzioni, multi-tab e/o soppesano proposte da più rivenditori alla volta.

Il prezzo è quasi sempre la componente meno importante e i clienti desiderano maggiori informazioni prima di prendere una decisione.

Le strategie di marketing che cercano di forzare il percorso del cliente portandolo a compiere un faticoso salto dal momento dell’esposizione a quello dell’acquisto hanno vita corta, perché non aiutano l’utente a raccogliere informazioni e a muoversi nel complesso processo decisionale.

Invece, impegnarsi a fornire contenuti, chiarimenti, informazioni, dati e supporto al potenziale cliente crea la fiducia necessaria a uscire dal loop ed entrare spontaneamente nell’esperienza d’acquisto.

Il “purchase” o acquisto: solo una minima parte dell’esperienza complessiva

Anche dopo aver fornito tutte le informazioni giuste, per convincere il cliente a prendere una decisione di acquisto, potrebbe essere necessaria una spintarella.

I consumatori sono altamente suscettibili agli stimoli emotivi e Google ha identificato sei “pregiudizi cognitivi” che modellano il comportamento di acquisto, sia in positivo che in negativo (acquisto o scelta di un concorrente):

  1. Categorie euristiche: scorciatoie che ci aiutano a prendere una decisione rapida e soddisfacente all’interno di una determinata categoria, senza necessariamente esplorare tutte le caratteristiche di ciascuna opzione in modo approfondito.
  2. Potere dell’immediatezza: mettere a disposizione dei clienti più prodotti possibile, nel minor tempo, per non indebolire il desiderio di compiere l’acquisto.
  3. Riprova sociale: un fenomeno psicologico in cui le persone tengono in grande considerazione le azioni e i pareri altrui, nel tentativo di avvalorare o giustificare una propria scelta. La riprova sociale è anche nelle regole della comunicazione persuasiva di Robert Cialdini.
  4. Bias di scarsità: gli esseri umani hanno un forte pregiudizio di scarsità. Riteniamo inconsciamente che meno le cose sono disponibili, più sono preziose.
  5. Bias di autorità: attribuire al parere di una persona esperta o autorevole grande importanza, soprattutto quando si deve prendere una decisione importante.
  6. Potere della gratuità: associare all’acquisto di un prodotto o servizio un regalo gratuito, per persuadere il potenziale cliente a concludere la transazione.

Queste leve possono essere trasmesse attraverso svariate modalità, ad esempio:

  • le recensioni dei clienti,
  • pop-up che avvisano che i prodotti in magazzino stanno per finire,
  • codici sconto,
  • promesse di consegne rapide o gratuite,
  • le opinioni di influencer o personalità rilevanti di settore che avvalorino la bontà del prodotto o servizio.

I dati di Google ci raccontano tuttavia che il momento dell’acquisto rappresenta solo una piccola parte dell’esperienza complessiva che il cliente può compiere alla fine del Messy Middle ed è qui che l’importanza del customer care, della customer experience, del retargeting e del community marketing si fa sentire a gran voce.

Il cliente va “coccolato” mentre sta compiendo l’acquisto e va tenuto in grande considerazione in futuro, per far sì che, quando rientrerà nel ciclo, sceglierà di passare dal trigger alla transazione nel minor tempo possibile!

Come emergere nel Messy Middle

Qual è quindi la chiave per far scegliere i nostri prodotti? Quali sono i metodi più efficaci, a disposizione dei professionisti del digital marketing? Come in molti altri casi, non c’è una ricetta preconfezionata che va bene in tutti i casi. Le attività di analisi, come quelle di testing e promozione sono sempre più fondamentali per comprendere a fondo i bisogni dei propri Utenti e aiutarli a prendere una decisione, senza uscire dal ciclo del Messy Middle o altre forzature artificiali. Studiare, valutare e applicare i principi delle scienze comportamentali alle nostre strategie di marketing e comunicazione può essere un modo molto efficace per far conoscere il nostro prodotto e farsi scegliere dai consumatori. Così come diffondere la presenza del Brand, far in modo che sia presente e che gli Utenti se ne ricordino, durante le fasi di esplorazione delle opzioni. Oppure, studiare il comportamento dei propri Utenti e avvicinare il momento dello stimolo a quello dell’acquisto, così da evitare che i consumatori siano esposti alla concorrenza. Quelli che abbiamo elencato sono solo alcune delle tecniche e degli approcci possibili per farsi conoscere nel caos del Messy Middle, la chiave è sperimentare continuamente per non lasciare vuoti nel processo di decisione degli Utenti.

Una riflessione finale sul Messy Middle

Il “Messy Middle” offre una nuova prospettiva su come i consumatori interagiscono con i marchi e vivono il percorso d’acquisto, andando a superare il modello del funnel di marketing.

Gli esperti di marketing dovrebbero prendere in grande considerazione questi insegnamenti e testare le intuizioni che ne conseguono nelle proprie strategie di branding, vendita, community e targeting.

I brand che avranno davvero successo saranno quelli capaci di basarsi su una strategia che non tiene conto solo delle conversioni, ma che aiuta i clienti a muoversi nel processo di exploration ed evaluation.

Quelli che tenteranno di forzare il tragitto indirizzando i potenziali clienti dal trigger all’acquisto rimarranno indietro nel lungo periodo.

×
Resta Informato

Iscrivendoti al blog, quando ci saranno nuovi aggiornamenti sul sito, ti invieremo una e-mail, così non li perderai.

I segreti della struttura della storia: Il primo p...
Come usare efficacemente il Fill Flash in alcune s...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Venerdì, 19 Aprile 2024

Immagine Captcha

Accettando accederai a un servizio fornito da una terza parte esterna a https://www.insightadv.it/

Resta in contatto con noi!

Vuoi restare aggiornato su tutte le ultime novità della nostra agenzia, sui nuovi servizi e su tutte le rubriche del nostro blog?

Iscriviti alla nostra newsletter!

Clienti soddisfatti

Dicono di noi

Ho avuto l'opportunità di conoscere la Insight Agency, quando ha iniziato a lavorare con un nostro cliente, ho così potuto apprezzare non solo il loro approccio professionale e creativo, ma sopratt...
2013-09-16
Leggi ancora
Mario Gentile
CEO & Founder / Punto Ike
Ho avuto la fortuna di incrociare sul mio cammino professionale la Insight Agency conoscendo così Umberto, un eccellente professionista. Oggi il mio rapporto professionale e di amicizia, instaurat...
2013-09-27
Leggi ancora
Raffaele Cozzolino
Resp. Tecnico / Leucopetra spa
Ho conosciuto la Insight Agency nel lontano 2006 e da allora ne abbiamo fatta di strada grazie alla loro professionalità, creatività, ingegnosità e soprattutto disponibilità. La cosa che più mi ha...
2013-09-16
Leggi ancora
Tommaso Marrone
CEO / CSF Centro Servizi e Formazione srl

About

La Insight Adv Ltd è un'agenzia pubblicitaria a servizio completo. Offriamo ai nostri clienti servizi di Grafica e Web Design, Marketing e Comunicazione strategica.

Realizziamo siti web, e-commerce e piattaforme fad, spot e video promozionali e applicazioni per smartphone e tablet. Offriamo inoltre servizi di digital & direct marketing, social media e content management. 

Pillole...

Seguici su